Viviamo in un mondo dove l’inquinamento acoustico fa da sfondo persistente alla vita di tutti i giorni e creare una casa che funge da oasi sia visuale che acoustica diventa un lusso del 21esimo secolo.

Il modo in cui un edificio è costruito definisce la sua capacità di isolamento da suoni fastidiosi. Strutture in cemento, finestre a doppio vetro, murature strategicamente posizionate e isolamento di qualità, sono tutti fattori che contribuiscono alla creazione di un mondo interno con un ritmo proprio.

Il silenzio è un vero piacere: trasmette un senso di calma e pace e permette al suono della natura di dominare quello prodotto dall’uomo.

A prescindere dall’ubicazione, che sia sulla costa, in campagna o in città, l’edificio è in grado di cambiare l’esperienza acoustica. Il rifugio è bilanciato con il suono della natura, come il rumore delle onde contro gli scogli a Ocean House, o il rumore azzerato nella residenza ad Armadale, dove i suoni della notte sono quelli del vento tra gli alberi.